Contattaci

04/01/2018
 
< Blog

Il mercato nero dei farmaci sul web è in forte crescita in Europa

Stando ad un recente studio di due agenzie dell’Unione Europea (OEDT ed Europol), il commercio illegale di farmaci sul “dark web” sta crescendo rapidamente, nonostante le autorità abbiano chiuso i principali mercati come Alpha Bay, mentre le bande criminali si stanno diversificando sempre più e cercano nuovi clienti online.

Questo studio, che è il primo del suo genere ad analizzare il commercio di farmaci in Europa sul “dark web”, ha mostrato che i mercati online stanno diventando sempre più sofisticati ed offrono un numero crescente di prodotti illegali agli acquirenti.

Il “dark web”, o “dark net”, è una parte dell’Internet che si trova al di fuori della portata dei motori di ricerca. Gli utenti sono in gran parte anonimi e non rintracciabili e pagano principalmente con valute digitali criptate come il Bitcoin.

Alexis Goosdeel, a capo dell'Agenzia Europea per i Farmaci, con sede a Lisbona, ha affermato che la rete “oscura” è come la "parte inferiore di un iceberg" con minacce crescenti e sconosciute.

Due terzi delle transazioni sul “dark web” riguardano i farmaci, si evince dal rapporto di Europol e dell'OEDT. I più grandi mercati europei sono Germania, Gran Bretagna e Paesi Bassi. Gli utenti, inoltre, utilizzano i mercati del “dark web” anche per acquistare armi, esplosivi e strumenti di hacking.

Le incursioni da parte della polizia, come la chiusura dei mercati di Alpha Bay e Hansa da parte delle autorità europee e statunitensi negli ultimi mesi sono riuscite ad arrestare l’attività criminale per un arco di tempo limitato, infatti, rapidamente gli stessi sono riusciti ad aprire nuovi siti e a proseguire gli affari.

"Nonostante questo risultato positivo (chiusura di Alpha Bay e Hansa), coloro che sono coinvolti nel commercio di farmaci online sembrano essere resistenti a tale interruzione e in grado di riorganizzarsi rapidamente", ha dichiarato il capo dell'Europol, Rob Wainwright.

Dal 2011 al 2015, il commercio illegale di farmaci ha venduto oltre 170 milioni di euro nel “dark web” in tutto il mondo, inclusi quasi 80 milioni di euro solo in Europa, secondo il rapporto.

Sebbene questa sia una piccola parte della dimensione del mercato fisico dei farmaci, Wainright ha detto che il numero di prodotti offerti è "in crescita esponenziale". Ci sono stati 350.000 prodotti in vendita su Alpha Bay e Hansa, più di cinque volte di quanti ne erano disponibili su un noto mercato nero, Silk Road, nel 2013, ha dichiarato.

Goosdeel ha poi affermato che il dark web è un mercato sempre più attraente perché acquirenti e venditori sono anonimi e c'è la percezione che i farmaci acquistati siano di buona qualità.

Il rapporto ha rilevato che dal momento in cui il primo grande mercato del web “oscuro”, il "Farmer’s Market", è stato lanciato nel 2010 e chiuso nel 2012, sono apparse dozzine di nuovi mercati che sono stati sostituiti. Silk Road, è riapparso nelle versioni 2.0 e 3.0 da quando l'originale è stato chiuso.

Ora ci sono 14 mercati del “dark web” in funzione con nomi come "Darknet Heroes League" e " House of Lions market".

"I venditori e gli acquirenti migrano rapidamente verso nuove piattaforme", afferma il rapporto, aggiungendo che la maggior parte dei siti sul “dark web” sopravvive meno di un anno.

Fonte: OEDT

Axel Bugge

https://www.reuters.com/article/us-europe-drugs-darkweb/dark-web-drug-market-growing-rapidly-in-europe-report-idUSKBN1DS28A

CLAUDIA MARCHI

Marketing & Sales Network Manager
claudia.marchi@airsea.it
Mobile +39 3290443435
it.linkedin.com/in/claudiamarchi/